A Carnevale un’esplosione di dolci ed allegria

a Carnevale ogni dolce vale

a Carnevale ogni dolce vale

In uno dei nostri precedenti post vi abbiamo svelato la ricetta dei bignè di San Giuseppe. Ma il Carnevale, oltre ad essere la festa più allegria, colorata e divertente dell’anno, si caratterizza per la vastità dei dolci che è possibile preparare e gustare proprio in questo periodo dell’anno.

Dolci legati alla tradizione culinaria di ogni Regione d’Italia. Vi proponiamo in questo post una selezione dei migliori ricette scovate per il web.

 Castagnole

Una castagnola tira l'altra

Una castagnola tira l’altra

Le castagnole sono uno dei dolci più tipici del Carnevale, molto apprezzato nelle sue diverse varianti. La ricetta presentata di seguito è quella originale, semplicissima da realizzare in casa, ma potete provare anche le castagnole ritte alla ricotta o quelle bagnate all’achermes.

Leggi la ricetta: http://www.ricettedellanonna.net/castagnole/

 

Frappe

Una spruzzata di zucchero a velo e le frappe sono pronte

Una spruzzata di zucchero a velo e le frappe sono pronte

Le frappe, o chiacchiere, sono croccanti e delicate sfoglie tipiche del periodo di Carnevale e sono chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza: chiacchiere e lattughe in Lombardia, cenci e donzelle in Toscana, frappe e sfrappole in Emilia, cròstoli in Trentino, galani e gale in Veneto, bugie in Piemonte, così come rosoni, lasagne, pampuglie.

Leggi la ricetta: http://ricette.giallozafferano.it/Chiacchiere.html

 

Ravioli dolci

Con un ripieno di soprese

Con un ripieno di soprese

I ravioli fritti dolci sono uno scrigno goloso che racchiude al suo interno un morbido ripieno…  Già al primo morso la croccantezza dell’involucro cederà il posto ad una dolce crema di ricotta, marmellata o Nutella?  Questa è la sorpresa da scoprire.

Leggi la ricetta: http://www.ricettedellanonna.net/ravioli-dolci/

 

Graffe

Da Napoli con furore

Da Napoli con furore

Quando si avvicina il periodo di Carnevale, a Napoli cominciano tutti a preparare le graffe fritte. Si tratta di soffici ciambelle a base di farina e patate. Nella città partenopea, questi dolci si trovano tutto l’anno e vengono serviti insieme a un buon caffè bollente.

Leggi la ricetta: http://www.leitv.it/i-dolcetti-di-paola/ricette/graffe-napoletane-fritte-ricetta-originale/

 

Frittelle di mele

Una frittella alle mele ogni giorno...

Una frittella alle mele ogni giorno…

Le frittelle di mele si preparano affettando le mele sbucciate e passandole in una pastella di uovo, farina e latte per poi friggerle nell’olio. Le mele così preparate potranno essere servite nappate con marmellata di mirtilli rossi o lamponi, oppure semplicemente con una spolverata di zucchero a velo.

Leggi la ricetta: http://www.buonissimo.org/lericette/175_Frittelle_di_mele

 

Arancini di Carnevale

Gli arancini di Carnevale

Gli arancini di Carnevale

Non pensate ai soliti arancini, per Carnevale i marchigiani hanno la loro versione che non tradirà le aspettative dei più golosi. Gli arancini di Carnevale sono delle girelle aromatizzate all’arancia che vengono naturalmente fritte: un dolce regionale da provare.

Leggi la ricetta: http://www.leitv.it/i-dolcetti-di-paola/ricette/arancini-di-carnevale-la-ricetta-marchigiana/

 

Dopo avervi proposto questa selezione di ricette scommettiamo che non vedete l’ora di cucinare uno di questi dolci. Noi ci abbiamo preso questo, ed ecco a voi le nostre frappe.

 

Le frappe del Maculato

Le frappe del Maculato

 

…ed i nostri bignè di San Giuseppe

I bignè di San Giuseppe

I bignè di San Giuseppe

 

Buon Carnevale a tutti.

Advertisements

A Carnevale ogni…dolce vale. I bignè di San Giuseppe.

I bignè di San Giuseppe

I bignè di San Giuseppe

A Carnevale ogni…dolce vale. Tra scherzi, maschere, divertimento e feste con l’arrivo del Carnevale sono molte le ricette di dolci tipici di questa festa. Frappe e castagnole la fanno da padrone, così come i bignè di San Giuseppe ( meglio conosciuti in Italia come zeppole).

Le tipiche frittelle ripiene di crema pasticcera che si preparano in occasione del Carnevale della festa di San Giuseppe il 19 Marzo sono molto apprezzate anche nel nostro territorio, alcuni le preferiscono fritte altri cotte al formo. Sempre con un unico comun denominatore, la crema.

In questo post vi sveliamo la ricetta ed il procedimento per prepararli direttamente a casa vostra.

Ingredienti

Pasta per i bignè

  • 50 gr di burro
  • 250ml di acqua
  • un pizzico di sale
  • 130 g di farina 00
  • 4 uova
  • 50 gr di zucchero

Crema pasticcera

  • 500 ml di latte
  • 150 g di zucchero
  • 4 rossi d’uovo
  • 70 g di maizena
  • 1 g di vaniglia
  • 1/2 scorza di arancia

 

Preparazione

 

Il composto per i bignè

Il composto per i bignè

Procedimento per la crema pasticciera

 

In una pentola iniziate mescolando le uova, lo zucchero e la maizena. Successivamente aggiungete il latte bollente, portate tutto ad ebollizione per almeno 2 minuti mescolando continuamente e aggiungete per ultime la scorza di arancia grattata e la vaniglia. Lasciate che il composto si raffreddi ricoprendo la crema con una pellicola trasparente.

 

Procedimento per i bignè

1) Fate bollire l’acqua con il burro, lo zucchero e il sale e versate poi tutta insieme la farina. Mescolate continuamente fino a quando si sarà formato un composto omogeneo, liscio e che si stacchi dai bordi della pentola. Togliete dal fuoco, fate raffreddare e aggiungete, una alla volta, mescolando bene le uova.

2) Mettete poi nell’apposita tasca da pasticciere con bocchetta a foro stellato l’impasto ottenuto e, su dei fogli di carta oleata che avrete buccherellato, formate i bignè (circa 6 per foglio) che dovranno essere non più grandi di una nespola.

 

La frittura dei bignè

La frittura dei bignè

3) Per cuocerle preparate 2 padelle con abbondante olio di arachide, una su fuoco medio e un’altra su fuoco più alto. Quando l’olio sarà caldo immergete nella prima padella le zeppole con tutta la carta oleata su cui poggiano. I fori praticati serviranno a fare passare l’aria in modo che le zeppole si staccheranno facilmente. Quando galleggeranno, toglietele, aiutandovi con la schiumarola, da questa padella e immergetele nell’altra contenente l’olio più caldo.

4) Fatele dorare da tutti i lati, quindi sgocciolatele su carta assorbente e ripetete questa operazione fino a quando avrete finito di friggerle tutte. Ricordatevi sempre di togliere la carta oleata non appena le zeppole si sono staccate.

 

Il tocco finale con lo zucchero a velo

Il tocco finale con lo zucchero a velo

5) Mettete le zeppole sul piatto di portata, riempitele con la crema pasticciera e cospargertele con zucchero a velo.